KUMI_TE fenomenologia armonia estetica dell’incontro terapeutico

Laura Virgili (IGP)

Nome dell’autore

Durata 2 ore

Durata dell’intervento

KUMI_TE fenomenologia armonia estetica dell’incontro terapeutico

Il concetto giapponese di  kumite indica una crescita reciproca dei praticanti sottesa a una espressione tecnica e pluridimensionale: maai, movimento di avvicinamento ed allontanamento, distanza intuita; hyoshi, susseguirsi di intervalli ritmici spaziotemporali, in cui si ricrea e si rompe l’armonia delle proprie ed altrui cadenze; yomi, stato di coscienza, capacità di comprendere come e quando entrare o uscire dallo spazio dell’ altro.

L’ integrazione simultanea delle dimensioni consente di esistere più intensamente nel tempo e nei gesti dell’incontro dando luogo a un’armonia d’insieme.

Tali dimensioni co-esistono nella relazione terapeutica dove spazio e tempo, totalità e individualità, dicibile e intuibile prendono forma sullo sfondo dinamico di sensazioni, emozioni e pensieri. Un incontro in  cui osservarci e percepirci nel nostro essere nel mondo volgendo l’attenzione alla nostra realtá esistenziale mentre siamo di fronte all’altro. Un fluire temporale dentro lo spazio esistenziale dove mondo interno ed esterno si muovono in continua ricerca di equilibrio, in cui ogni momento influenza e connette il successivo.  Un processo di interdipendenza e mutamento continui in cui  tutt* siamo immersi.