L’alternarsi di figura e sfondo nella co-conduzione dei gruppi

Elena Palladino, Monica Prato (SGT)

Nome dell’autore

Durata 2 ore

Durata dell’intervento

L’alternarsi di figura e sfondo nella co-conduzione dei gruppi

Lavorare con i gruppi significa lavorare in un sistema complesso. Nella nostra esperienza, più il campo è complesso, più l’intervento che si attua deve essere di tipo condiviso uscendo da un’ottica autocentrata, autoreferenziale. In questo discorso si inserisce la co-conduzione all’interno di gruppi terapeutici o di formazione, ma è altresì presente quando lavoriamo con le coppie o con le famiglie. La co-conduzione consente di incontrare la complessità moltiplicando gli sguardi di osservazione. I due terapeuti si alternano nella conduzione della seduta come in una danza diventando talora figura e, talora, sfondo. Figura e sfondo si intrecciano nella contemporaneità costruendo la trama dell’incontro e dando significato alle variabili presenti.

Durante il workshop verranno proposte al gruppo alcune esperienze di ascolto, sincronicità, coordinazione che sostengono nella pratica clinica e nella formazione il movimento di figura sfondo in un setting specifico.